Breaking News

Rimini, dichiarazione choc del mediatore “culturale” della coop: “Alle donne piace essere stuprate”






Stupro a Rimini: dichiarazione raccapricciante di un mediatore cul-turale, Abid Jee, probabilmente un nuovo italiano di Crotone residente a Bologna, che collabora con la cooperativa Lai-Momo che si occupa della gestione di immigrati e clandestini. La sua dichiarazione su Facebook: “Il peggio viene solo all’inizio, poi una donna diventa calma e gode come un rapporto sessuale normale”. Il consigliere comunale Lucia Borgonzoni promette una considerazione alla questura. Boldrini e  sinistra che dicono?

Parola di Abid Jee, 24enne di Crotone che vive e studia Giurisprudenza a Bologna e (secondo quanto scrive nella sua pagina Facebook) collabora con la Cooperativa Lai-Momo, famosa nell’emiliano per la gestione di centinaia di migranti. Sul profilo, alla sezione lavoro, si legge: “Mediatore culturale e operatore sociale. Dal 25 dicembre 2016 a oggi, Bologna”. Il commento choc in seguito allo stupro di Rimini.

A riportare la notizia è il Quotidiano Nazionale, che ha letto l’incredibile post di Abid Jee su Facebook. Lo studente ha deciso di commentare con i suoi amici virtuali la tremenda notizia che viene da Rimini, dove una ragazza polacca è stata stuprata ripetutamente da una banda di magrebini che ha pure picchiato il suo amico. “Lo stupro – scrive Lee – è un atto peggio ma solo all’inizio, una volta si entra il pisello poi la donna diventa calma e si gode come un rapporto sessuale normale”.

Interpellata dal Qn, la cooperatva Lai-Momo (che nel 2016 ha registrato un utile di esercizio pari a 883.992 euro grazie alla gestione dei migranti) dice di dover verificare se Jee è davvero un loro collaboratore come afferma su Fb, intanto però si smarca da quanto affermato dal giovane: “Qualora fosse un nostro dipendente – dice la coop – è ovvio che noi riteniamo gravissime, assolutamente, le dichiarazioni che lui ha postato. Qualora fosse un nostro dipendente e domani verificassimo la corrispondenza eventuale con la cooperativa, prenderemo tutti i provvedimenti possibili. Se fosse davvero un nostro dipendente riterremmo incompatibile ogni forma di collaborazione”.

Duro anche il commento di Lucia Borgonzoni, consigliera comunale della Lega Nord e candidata sindaco del centrodestra alle ultime amministrative: “È una frase di una gravità inaudita e il fatto che a questo ragazzo sembri normale scriverlo mi preoccupa e non poco, per questo farò segnalazione in questura. Un’altra utente mi ha detto di averlo subito segnalato agli amministratori di Facebook. Se poi davvero lavorasse per la Cooperativa Lai-momo, auspico che venga allontanato immediatamente. Farò una serie di interrogazioni, sulla scelta e controllo dei mediatori culturali in città”. La Borgonzoni si dice pronta a denunciare il giovane.

Con fonte Il Giornale

redazione riscatto nazionale.net

Shares

Utilizziamo i cookie per darvi la migliore esperienza sul nostro sito. Se si continua a utilizzare questo sito assumeremo che siete felici con esso. Ok