Gli italiani non ne possono più della sinistra, Grasso fischiato e insultato dagli operai: “Vergognati! Vattene!”


VIDEO – Gli italiani non ne possono più della sinistra razzista e anti-italiana, ben rappresentata da Grasso e Boldrini, che ha messo in ginocchio risparmiatori, lavoratori, famiglie e imprese. Il leader di Liberi E Uguali, Piero Grasso, è stato sommerso di insulti e fischi dagli operai della Ideal Standard.

“Vattene! Vattene!”. I lavoratori di Ideal Standard lo hanno contestato duramente.

Pietro Grasso si è preso i fischi e gli insulti dal sit in di protesta che si stava tenendo davanti al ministero dello Sviluppo economico per dire “no” a tagli e licenziamenti (guarda il video). “Vergognati – gli hanno urlato – hai fatto passare il Jobs Act!”. Quindi gli hanno intimato di andarsene: “Non vogliamo passerelle”.

Al suo arrivo, dopo aver stretto le mani dei sindaci di tutte le realtà produttive coinvolte, Grasso si è avvicinato ai lavoratori. Una parte di questi ha iniziato a fischiare e gridare “Vergogna! Vergogna!” all’indirizzo del presidente del Senato, ora leader del partito “Liberi e uguali” nato dalla scissione dal Pd. “Non vogliamo passerelle”, hanno urlato a Grasso che ha comunque cercato (e, infine, trovato) un dialogo. Alcuni dei lavoratori chiedeva, infatti, sostegno al presidente. “Ci aiuti – hanno detto al sit in – non vogliamo restare soli, dialoghi con il governo e con l’azienda”“Non vi lascio soli – ha, quindi, promesso Grasso – ma fate ascoltare la vostra voce e non lasciate che venga sopraffatta da chi grida”.

Dopo lo scontro al ministero per lo Sviluppo economico, è stato lo stesso Grasso a pubblicare su Facebook il video delle contestazioni“Spesso vi mostrano le immagini quando le contestazioni vengono fatte agli avversari. Ho promesso di dire la verità, per questo voglio pubblicarle io, spiegandole”, ha scritto il leader di Leu dicendosi vicini ai lavoratori. “Quando rischi di perdere il lavoro e temi per il futuro della tua famiglia, non ti importa di nulla – ha, poi, spiegato – non fai distinzioni”

con fonte Il Giornale


redazione riscatto nazionale.net

Shares