Follia giudiziaria. Sparò e uccise un ladro albanese ad Ancona: carabiniere condannato e umiliato




Un’altra follia giudiziaria da parte dei giudici rossi italiani. Condannato anche in appello e umiliato dallo Stato l’appuntato dei carabinieri Mirco Basconi, che nel febbraio 2015, mentre faceva il suo lavoro, uccise con quattro colpi di pistola un rapinatore albanese a Ostra Vetere, in provincia di Ancona. Ancora una volta la legge sta dalla parte dei criminali.

Ancona, 22 marzo 2018 – Nuova condanna, stavolta in Appello per Mirco Basconi, l’appuntato dei carabinieri che il 1 febbraio 2015 esplose nelle campagne di Ostra Vetere quattro colpi di pistola verso una Mercedes con la quale stavano scappando tre albanesi dopo furti in alcune abitazioni. Uno dei proiettili rimbalzò sull’asfalto e sfondò il lunotto posteriore, conficcandosi alla base della nuca del 24enne albanese Korak Xheta. L’uomo morì 4 giorni dopo in ospedale. Oggi la Corte d’Appello di Anconaha ridotto la pena a 7 mesi e 10 giorni.

n primo grado, il 7 novembre 2016 l’appuntato venne condannato a un anno per omicidio colposo. La difesa, rappresentata dagli avvocati Mario e Alessandro Scaloni ha sempre puntato sulla legittima difesa dell’appuntato dei carabinieri in una situazione altamente pericolosa. Palpabile lo scoramento dell’imputato in aula e dei suoi legali che si aspettavano un’assoluzione piena. Molto probabile il ricorso in Cassazione.

Con fonte Il Resto Del Carlino

redazione riscattonazionale.net