Ravenna, ragazzina sequestrata e violentata in un casolare: arrestato uno spacciatore tunisino




Una minorenne italiana con problemi di droga sequestrata e violentata dentro un casolare sporco e abbandonato nella zona Darsena a Ravenna. La bestia è uno spacciatore tunisino di quarant’anni. Fortunatamente la ragazzina non è stata uccisa e fatta a pezzi come è toccato alla povera Pamela a Macerata.

Ravenna, 22 marzo 2018 – A 13 anni i primi contatti con la droga che in quel momento si chiamava marijuana. Tempo dopo era arrivata alla cocaina: e da lì, la ricerca del suo paradiso artificiale, l’aveva fatta precipitare nel girone dell’eroina all’insaputa dei genitori. Ultima tappa di una via crucis fatta di maldestri espedienti, cattive compagnie e brutti incontri: il frullo vorticoso della tossicodipendenza insomma. Con la ricerca disperata della dose da spararsi ogni giorno in vena fino al buio di quel casolare abbandonato e sporco della zona Darsena dove il suo spacciatore tunisino nella primavera 2017 aveva abusato di lei. Due ore, ieri pomeriggio, davanti al Gip per raccontare la sua storia.

Ora sta meglio, e con l’aiuto di una comunità terapeutica ne sta uscendo. Lei è una studentessa minorenne ravennate, e quanto le è accaduto potrebbe capitare a tanti altri ragazzi visto che con lei, nel suo gruppo, a condividere quella sorte c’erano altri coetanei. Ha parlato in un contesto protetto, scossa ma lucida.

Dietro al vetro c’era anche l’indagato: un 40enne tunisino e ora in custodia per pregresse vicende di droga. Lui ha negato di avere violentato la ragazzina. Di fatto sin qui deve rispondere di spaccio aggravato (perché a minore) e di violenza sessuale.

E di violenza sessuale sulla giovane, deve rispondere pure un secondo tunisino, questa volta 30enne, conosciuto sempre nello stesso contesto. In questo caso i fatti, per i quali la ragazzina non ha ancora parlato davanti al Gip, vengono sin qui collocati in una serata di fine settembre scorsoall’interno di un casolare abbandonato di via Faentina, là dove il tunisino avrebbe costretto la minorenne a rimare contro volontà per avere con lei un rapporto sessuale. Tanto che ilmagrebino, oltre che di violenza sessuale, deve rispondere anche di sequestro di persona

con fonte Il Resto Del Carlino

redazione riscattonazionale.net